martedì 27 ottobre 2009

LA SINDROME DI STOCCOLMA IN UFFICIO

Tutti pazzi per OL2007Quella a fianco è una pubblicità, che campeggia in questi giorni su YouTube, di un noto client di posta / agenda elettronica . Ho pixelato tutti i marchi tranne lo slogan, che ha dell'incredibile!


Giuro che l'ho letto almeno una decina di volte prima di convincermi dell'ultima parola. Ho pensato che fosse rivolto ai negozi di abbigliamento, ma suona troppo panpsichistico. Ho cercato di vederci una "r", "ai tuoi cari", e invece no: è proprio una P. C'è scritto che questo programma ti permette di essere sempre vicino ai tuoi capi.


E' fuori discussione che mi sfugge qualcosa delle più recenti strategie pubblicitarie.
E' ovvio che il messaggio è rivolto ai capi - che sono quelli che decidono se comprare il programma - anche se sembra parlare ai sottoposti. Oppure a chi manifesta una nuova forma di sindrome di Stoccolma.


 

domenica 18 ottobre 2009

CORSO DI SOPRAVVIVENZA PER PRESIDENTI DEL CONSIGLIO IN DECLINO

  

Per interpretare meglio quanto sta accadendo, ecco alcuni stralci dal Khamenei-Gheddafi, noto manuale per alte cariche dello stato, dal capitolo 35, "Risalire la china":

 

"Innanzitutto non dimenticate mai che la gente vi ama. E soprattutto non dimenticate di dirlo a ogni piè sospinto. Vi aiuterà a convincervene e a convincere gli elettori.

 

A seconda dei casi, i nemici (non politici, quelli se ne guardano bene) potrebbero rivolgervi le seguenti critiche:

 

- Siete un corruttore, avete speso più soldi per pagare giudici che altro.

Risponderete: "Sì, ma ho il consenso del popolo."

 

- Siete un puttaniere che paga certi servizietti con candidature a ruoli pubblici e nomine a ministro.

Risponderete: "Sì, ma ho il consenso del popolo."

 

- Fate battute orrende e fuori luogo, specie nei confronti dei vostri avversari politici. Non distinguete il Bagaglino dall'Europarlamento.


Risponderete: "Sì, ma ho il consenso del popolo."

 

- Avete la faccia come il culo: un giorno andate a mignotte e quello dopo accogliete il Papa all'aeroporto. Un giorno andate al family day e quello dopo la vostra seconda moglie - che non frequentate da anni - vi accusa di incontrare minorenni. Il vostro santo protettore è San Tanchè.


Risponderete: "Sì, ma ho il consenso del popolo."


 

- La vostra tracotanza supera ogni limite e vi rende più antipatico di qualsiasi dittatore del Sudamerica.

Risponderete: "Sì, ma ho il consenso del popolo."

 

- Non avete più il consenso del popolo.


Risponderete: "Sì, ma ho il consenso del popolo."



 

 

Se le risposte vi sembrano ripetitive, ricordate sempre che ribadire un concetto serve a farlo credere vero. E che avete il consenso del popolo."

 

Quante cose si spiegano.




COSA SUCCEDE MENTRE SCRIVO QUESTO POST:
Cala il sole. In molti sensi.

giovedì 1 ottobre 2009

... E A SPASSO COL SUO GATTO SE NE VAAAAAA!

Da quando ho letto il testo dell'ultimo inno berlusconiano, non riesco a togliermi dalla mente questa immagine:


Candy_Berlusca_small


Ecco perchè:















Candy Candy



Silvio Forever


[...]
e' zucchero filato
e' curiosita'
e' un mondo di pensieri e liberta'

e' un fiore delicato
e' felicita'
e a spasso col suo gatto se ne va

[...]
nella vita sola non sei
anche nella neve piu' bianca, piu' alta che mai

[...]
che sorrisi grandi che fai
che sapore dolce, che occhi puliti che hai

[...]

[...]
Silvio è il carisma che ha,
il leader che sa,
la genialità


[...]
Nobile e giusto,
tu ci piaci per questo,
sei il pensiero che ci
guiderà


[...]
Il mare attraverserà
ovunque sarà
portato dal vento


[...]
Il sogno riparte da qua,
diventa realtà

[...]




AIUTO! Ma davvero non c'è limite al trash. I coretti che fanno uacciuari se li devono essere dimenticati.
Possibile che 'sto governo non cada neanche per offesa al buon gusto?


COSA SUCCEDE MENTRE SCRIVO QUESTO POST:
Nello stereo: DJ Hell, NY Muscle